OBBLIGO IN ETICHETTA DELLA SEDE DELLO STABILIMENTO



È stato pubblicato il decreto legislativo n. 145 del 15 settembre del 2017 che reintroduce l’obbligo di indicare in etichetta negli alimenti pre-imballati (destinati al consumatore finale o alle collettività) lo stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento.
L’obbligo dell’indicazione dello stabilimento di produzione/confezionamento era già sancito dal decreto legislativo 109/1992, ma è stato abrogato in seguito alla pubblicazione del reg. 1169/2011, che ha provveduto al riordino della normativa europea in materia di etichette alimentari. Tale regolamento, infatti, nell'elenco delle indicazioni obbligatorie da riportare sui prodotti pre-imballati destinati al consumatore finale, all’art. 9 paragrafo, 1 lett. h, richiede solo “il nome, o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare”, responsabile delle informazioni sugli alimenti. Con il nuovo decreto, l’Italia ha reintrodotto l’obbligo dell’indicazione della sede dello stabilimento al fine di garantire una corretta e completa informazione al consumatore e facilitare i controlli e le verifiche di rintracciabilità degli alimenti da parte degli organi ufficiali a tutela della salute.

Il decreto n. 145 del 15/09/2017 non si applica ai prodotti pre-imballati in conformità al reg. 1169/2011 fabbricati e commercializzati in un altro stato membro dell‘Unione Europea, in Turchia o in uno stato membro dell’EFTA.
È previsto un periodo transitorio di 180 giorni dalla data di pubblicazione per consentire ai produttori di adeguarsi alle nuove disposizioni. Pertanto fino al 5 aprile 2018 sarà consentito l’impiego di etichette/materiali di confezionamento privi delle indicazioni previste dal presente decreto e gli alimenti immessi sul mercato entro tale data potranno essere commercializzati fino all'esaurimento delle relative scorte. Pertanto, anche gli alimenti confezionati fino alla presente data potranno essere commercializzati fino allo smaltimento. Scarica l'articolo completo qui sotto...

SATA da più di vent’anni garantisce da sempre un’attenzione verso la qualità e la valorizzazione del prodotto agricolo su tutta la filiera agroalimentare, dal campo fino al punto di vendita. In un contesto dinamico e mutevole come quello della normativa in materia di informazione sugli alimenti, ricordiamo che offriamo dei servizi di controllo, validazione e progettazione dell’etichettatura dei prodotti alimentari.