Concaro S.r.l. - Sata: Prove sperimentali in ambito Biologico



La ditta Concaro S.r.l., nella persona del titolare Dott. Cristiano Concaro in collaborazione con Sata S.r.l., il giorno 22/02/2019, ha riunito, presso il ristorante Acquadolce di Mezzana Bigli (PV), diverse aziende agricole biologiche per presentare le risultanze di attività sperimentali di campo condotte nel 2018 su cereali in regime di coltivazione biologica (frumento e riso). Il Dott. Alessandro Costanzo di Sata ha illustrato le attività condotte grazie al contributo di alcune ditte di mezzi tecnici:
FOMET/DEMARCHI: la prova prevedeva l’impiego di fertilizzanti come Azocor 105 e Fertildung, entrambi concimi contenenti azoto totalmente di origine organica. Oltre ai significativi aumenti produttivi è stata sottolineata l’importanza di avere piante forti a fine inverno che possano crescere e svilupparsi rapidamente.
SIPCAM: Umostart Bio è il prodotto provato in aggiunta alla concimazione aziendale dell’agricoltore; il fertilizzante, in microgranuli e ammesso in agricoltura biologica, permette un rapido accrescimento della pianta e una veloce copertura del suolo, fondamentale per ridurre fin dai primi momenti l’emergenza delle erbe infestanti.
UPL: la prova verteva sul controllo delle malattie fogliari della spiga di frumento. L’impiego di Cuprofix Ultra Disperss e Poltiglia Disperss (entrambi a base di Rame) in associazione con Thiopron (zolfo) ha mostrato un buon contenimento della fusariosi della spiga (in particolare riducendo la severità) facendo sì che il contenuto della micotossina DON nella granella rimanesse sotto il limite di quantificazione (0,25 ppm).
DIAGRO: la prova ha voluto indagare l’effetto di Dentamet e di Bio-D sulla coltura Riso in regime di biologico. Si è notato come l’applicazione di questi prodotti abbia avuto un effetto nel ridurre la suscettibilità della pianta al Brusone del riso.
A seguire si è dato vita ad una discussione aperta tra i numerosi produttori presenti e il Dott. Cristiano Concaro su diversi aspetti, di natura agronomica e non solo.
Si è parlato delle esperienze maturate sulla gestione del girasole in regime di Biologico e delle opportunità che la coltura stessa potrebbe offrire ad alcune aziende.
Importanti riflessioni sono state fatte sul mercato e sulle sue future evoluzioni; le superfici a biologico sono in aumento e le importazioni di alcune materie prime dall'estero dovrebbero spingere i produttori, ma in generale tutti gli operatori del settore, a una riflessione profonda sull'impostazione delle proprie attività, cercando di attivare filiere che garantiscano prodotto e redditività lungo tutta la filiera.

Per maggiori dettagli sulle risultanze delle prove sperimentali svolte, vi invitiamo cordialmente alla lettura dei documenti sotto allegati.